ApeZ
Tutte le parole che ti occorrono per capire il tuo grafico in un comodo glossario.

Questa barra indica la percentuale di progressione di questo glossario… come vedete mancano ancora molte parole! Suggeritele nei commenti e state certi che provvederemo a integrarle.

 

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

 

CMYK

Questo è il profilo/metodo colore che utilizza una stampante per riprodurre la vostra immagine, che è molto diverso dal metodo/profilo RGB che invece utilizza il vostro monitor per visualizzare le immagini sul computer. Il profilo CMYK ha colori più spenti rispetto a quelli dello schermo, prima di tutto perché il monitor è retro-illuminato e poi perché il CMKY usa la materia per creare i colori, mentre il monitor la luce. Quindi quando gli arancioni così belli accesi che vedete a schermo vengono poi stampati spentini dovete attribuire la causa proprio a questa distanza enorme. Se adesso vi state domandando se è possibile ovviare a questo problema la risposta è no, purtroppo, se non attraverso le tinte piatte o Pantone® ma questa è un’altra storia o parola…

Copywriting – Copywriter

Il copywriting è la creazione di testi. Questi testi possono essere articoli o descrizioni, molto spesso i testi di un copywriter (lo scrittore dei testi) sono esplicativi di un prodotto o di un servizio, ma possono essere anche testi riempitivi e pubblicitari. Scrivere testi non è facile: spiegare a parole alcune dinamiche di un servizio o le proprietà di un prodotto rimanendo chiari, sintetici (le persone leggono sempre meno) e senza annoiare è una competenza su cui impegnare professionalità. Inoltre grammatica e proprietà linguistica (ahinoi!) sono maltrattate quotidianamente dagli improvvisati.
Non solo… il copywriting sta diventando essenziale nella creazione dei siti internet poiché è uno dei parametri più validi  per avere un buon range (punteggio) nei motori di ricerca. Più i testi sono curati e presenti, più Google amerà il vostro sito.
Nonostante ciò la nobile arte del copywriting è spesso incompresa e ancor più spesso maltrattata, quindi ricorda che una buona pubblicità passa dalla chiarezza dei suoi testi.

dpi

Unità di misura che indica i punti per pollice (in inglese dots in inc). Questa unità di misura indica quindi la densità di punti presenti in un pollice (2,54 cm), più punti vi sono più l’immagine è nitida e i particolari sono visibili, come tasselli che compongono un mosaico, più le tessere sono grandi meno l’immagine sarà particolareggiata. Attenzione i punti non sono pixel, anche se le due cose son abbastanza analoghe.

Esecutivo

Aggettivo generico utilizzato in moltissimi ambiti diversi, in tutte le accezioni indica un processo che mette in moto l’elaborazione concettuale in esecuzione materiale.
Nel campo specifico della grafica, l’esecutivo è la rappresentazione di come sarà un logo, un’immagine, un packaging, un’insegna in un contesto reale. Serve per suggerire al cliente, ma anche al grafico stesso, il risultato finale di un lavoro ancora non eseguito materialmente.

 

Lay-out

Il Lay-out indica uno “scenario“, questo termine in grafica esprime l’impostazione grafica intorno ad un messaggio che può non essere lo stesso. Un esempio è il lay-out di un sito internet per cui le pagine e gli articoli cambiano, ma l’impostazione che contiene i concetti espressi è la medesima. Quindi il Lay-out può essere tutto il contesto di immagine che accompagna la grafica di un’azienda: dai colori alla scelta delle forme, dei font, degli sfondi scelti.

Prespaziato

Aggettivo spesso riferito all’adesivo (dicesi “adesivo presenziato”).
Con questa espressione si vuole indicare un adesivo ritagliato e applicato su una superficie. Ad esempio una scritta può essere stampata su un unico adesivo e incollato su un vetro o una superficie, come una toppa decorata, oppure può essere ritagliata seguendo i contorni, parola per parola, ed essere applicata direttamente su qualsiasi superficie.

Restyling

Si intende Restyling quando si modifica, ammoderna e ritocca un’immagine pre-esistente. Il Restyling, se è tale, deve rispettare il concetto e il contenuto di fondo dell’immagine che vuole rimodernare, ma dando una forma più contemporanea e adatta alle esigenze che lo hanno generato.

RGB

Questo è il profilo/metodo colore che utilizza il vostro monitor per visualizzare le immagini e, invero, anche il vostro occhio per catturarle. Il metodo RGB prevede che più si aggiungono colori più si ottiene il colore bianco, all’opposto del metodo CMYK in cui più si aggiungono colori più si ottiene il colore nero. Rimandiamo poi alla spiegazione fornita alla parola CMYK.

 Risoluzione

È la “maledizione dei grafici” e di tutti coloro che hanno che fare con un grafico. Con il termine di risoluzione si indica il tipo di qualità che ha un’immagine: se l’immagine ha una risoluzione bassa, significa che la definizione dell’immagine è scarsa e l’immagine è chiara solo in dimensioni piccole, il vantaggio è che le immagini occupano poco memoria. Se la risoluzione è alta, l’immagine è di buona qualità e i dettagli possono essere colti senza fatica, ma lo spazio richiesto di memoria è importante.
Approfondiamo ulteriormente questo concetto fondamentale per chiunque desideri semplicemente stampare un’immagine.
I video visualizzano le immagini a 72dpi, le stampanti riescono a riprodurre immagini su una scala di 300dpi, ed ecco spiegato perché la vostra stampante stampa sgranata un’immagine che sul vostro computer era bella nitida, (ahinoi!) ci sono ben 228punti di differenza, che la stampante tenta di supplire come può.


Vettoriale

Per ovviare a problemi di risoluzione subentra la grafica vettoriale. Questa grafica non usa i pixel per comporre l’immagine ma curve e linee e questo permette che l’immagine possa subire qualsiasi ingrandimento senza mai perdere di risoluzione. Altro vantaggio interessante è che la dimensione del file è più leggero e occupa meno memoria rispetto ad un’immagine in pixel. La grafica vettoriale lavora attraverso campiture di colore e, anche se gli attuali programmi di grafica riescono a gestire molto bene sfumature e ombreggiature, queste tuttavia tendono a creare alcune difficoltà sul livello di stampa.

Glossario di grafica
Tags:                     

3 pensieri su “Glossario di grafica

  • 4 settembre 2015 alle 09:10
    Permalink

    Be’ stra utile!!

    Rispondi
  • 5 ottobre 2015 alle 09:02
    Permalink

    Suggerisco di aggiungere:
    Immagini a Bassa Risoluzione
    Immagini ad Alta Risoluzione
    Immagini/loghi Vettoriali
    Lay-out
    Finish lay-out
    Esecutivo

    Rispondi
    • 23 ottobre 2015 alle 12:04
      Permalink

      Grazie mille Anna,
      abbiamo integrato la tua richiesta, anche se con tempi un po’ diluiti… speriamo che le nostre definizioni ti soddisfino!

      Rispondi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi